EN | ES | IT | RO | PL | GR

Storytelling

Success Story

Il successo della Fattoria Popiel di Anna

Anna Popiel ha 42 anni, è piena di energia ed entusiasmo e ha esperienza di lavoro nell'azienda agricola dei genitori. Da 20 anni, insieme al marito Artur, gestisce un'azienda agricola di 45 ettari con una lunga tradizione familiare a Kapałów, nella contea di Konecki, provincia di Świętokrzyskie.
La struttura della semina e della coltivazione è costituita principalmente da mais e pascolo. La produzione principale dell'azienda è l'allevamento di bestiame da latte. L'azienda è completamente meccanizzata, dispone di macchinari moderni e di edifici adatti alla direzione della produzione, ovvero la produzione di latte. La mandria di base è composta da 60 animali, di cui 35 da mungere, dai quali si ottengono circa 300.000 litri di latte all'anno. Il destinatario del latte è la Cooperativa Lattiero-Casearia Distrettuale di Końskie, nel Voivodato di Świętokrzyskie, specializzata nella produzione di prodotti caseari.
Grazie alla modernizzazione in corso, l'azienda si sta sviluppando sistematicamente per aumentare la produzione e l'efficienza dell'azienda. 
Anna Popiel è attivamente coinvolta in progetti organizzati dalle autorità locali e nella vita della società locale, è socialmente attiva. Da 9 anni è sindaco di Kapałów e vicepresidente dell'Associazione delle casalinghe rurali di Kapałów - Radoska.
Svolge molto bene le funzioni che le sono state affidate. Nell'ambito del lavoro sociale, è organizzatrice e co-organizzatrice di molti progetti interessanti, eventi, azioni volte principalmente all'integrazione della comunità locale, campagne di beneficenza, eventi culturali, celebrazioni locali, celebrazioni ecclesiastiche, tra cui l'organizzazione di gite al cinema, feste del raccolto per i residenti del villaggio di Kapałów, feste del raccolto comunali e distrettuali, feste per le famiglie con lo slogan "Radoszyczanie Dzieciom", aerobica scolastica, "remnants", mantenendo la tradizione di lunga data di "dedicare i campi", cioè organizzando una Santa Messa annuale all'aperto, a Kapałów, celebrata da un sacerdote, con la partecipazione dei residenti.

Keywords: Imprenditoria femminile rurale


"Precious Plastic Salento": un'impresa sociale a guida femminile nel campo del riciclo della plastica

"Precious Plastic Salento" è un progetto sociale e un'iniziativa imprenditoriale femminile nel campo del riciclo artigianale della plastica con sede a Lecce, capoluogo del Salento. In poche parole, utilizzando macchinari di medie dimensioni, il team composto da tre giovani donne produce oggetti, mobili e gioielli in plastica riciclata con l'intenzione di lanciare presto un e-commerce. Oltre all'aspetto commerciale legato alla produzione e alla vendita di questi prodotti, propongono una serie di laboratori didattici rivolti soprattutto agli studenti delle scuole sui temi dello sviluppo sostenibile e dell'educazione ambientale, che hanno riscosso successo e interesse. Questo caso può essere considerato una storia di successo in un settore economico, come quello manifatturiero, che vede ancora una scarsa presenza di donne, soprattutto nelle aree rurali del Sud Italia. È interessante sottolineare che nessuna delle tre donne coinvolte in questo progetto aveva una formazione tecnica specializzata in materia di riciclo della plastica. Tuttavia, partendo dall'idea imprenditoriale, sono state in grado di costruire autonomamente il know-how necessario per avviare un'attività di riciclaggio della plastica. Questo aspetto è particolarmente interessante perché dimostra come l'attitudine imprenditoriale femminile, soprattutto se adeguatamente stimolata, possa superare la mancanza iniziale di competenze e abilità specifiche rilevanti per l'idea imprenditoriale.

Keywords: Imprenditoria Femminile, riciclo, plastica


RURITAGE Patrimonio per la rigenerazione rurale (Heritage for Rural Regeneration)

Questo progetto cerca di promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso il miglioramento del patrimonio culturale e naturale delle aree rurali. L'obiettivo principale è la rigenerazione rurale, per cui le azioni si concentrano sullo sviluppo e sul trasferimento di competenze e abilità, in un contesto comunitario in cui i diversi attori e le comunità locali sono coinvolti in un processo partecipativo e di gestione del patrimonio. Allo stesso modo, si favoriscono nuove forme di collaborazione in cui si promuove lo sviluppo delle capacità e l'approccio di apprendimento reciproco tra i modelli di riferimento. Questo progetto quadriennale identifica sei aree sistematiche di innovazione come paradigmi per le strategie di rigenerazione basate sul patrimonio: pellegrinaggio, cibi locali, migrazione, arti e festival, resilienza e paesaggio. Le attività e le azioni svolte mirano a ottenere come risultato un insieme di strumenti e servizi per le comunità rurali per promuovere strategie di rigenerazione guidate dal patrimonio. Tra i risultati ottenuti nel corso del progetto vi sono:
- La creazione di una pagina web interattiva costruita sulla base di un atlante dei territori risultanti dalle interazioni tra le persone e il paesaggio (Atlante RURITAGE).
- Un insieme descrittivo di buone pratiche e soluzioni innovative per la rigenerazione rurale (RURITAGE Replicator Tool Box & My Cult-Rural Toolkit).
- Un'ampia selezione di strumenti per promuovere il cambiamento e raccogliere le risposte delle comunità rurali (RURITAGE Serious Games kit, DSS, Regeneration Guidelines).
- Incoraggiare l'interazione delle persone con il paesaggio rurale (RURITAGE Troubadour).

Keywords: Rigenerazione rurale, innovazione sociale, patrimonio culturale


Progetto Erasmus+: Empowerment dell'impresa rurale al femminile

L'obiettivo di questo progetto è stato quello di assistere le donne imprenditrici delle aree rurali dei 5 Paesi partner (Islanda, Regno Unito, Lituania, Croazia e Bulgaria) a diventare imprenditrici di successo, con particolare attenzione allo sviluppo di piccole imprese.   Sulla base della loro conoscenza e competenza delle esigenze delle donne nei loro Paesi, i partner hanno lavorato con gruppi provenienti da aree rurali già definite e vicine a loro. Il consorzio dei progetti ha sviluppato diversi risultati, a partire da un'ampia ricerca in tutti i Paesi partner, che ha incluso focus group, ricerche a tavolino e sondaggi online. È stato sviluppato un programma di formazione online, disponibile sul sito web della formazione www.ruralwomeninbusiness.eu. La piattaforma si concentra su moduli di hard skills e moduli interattivi di soft skills, supportati dallo sviluppo di Virtual Enterprise Circles™ che saranno sviluppati sulla base di una metodologia esistente di Inova nel Regno Unito.   È stata prodotta una Guida per i facilitatori dei circoli d'impresa, che fornisce le linee guida per i formatori e le modalità di applicazione della metodologia nel modo migliore. È stata inoltre realizzata una Guida per i responsabili delle politiche, in cui saranno delineate le raccomandazioni per il sostegno alle donne nelle aree rurali.   L'attività di divulgazione del progetto è stata ampia: sono stati utilizzati i social media, è stato sviluppato un sito web del progetto insieme a materiali più tradizionali come le cartoline. Sono stati inclusi eventi moltiplicatori, chiamati gruppi di divulgazione Spread the Word. Il 17 aprile si è tenuta una conferenza finale a Sauðárkrókur, in Islanda, dove sono stati presentati i risultati del progetto e dove le imprenditrici rurali si sono riunite e hanno stabilito contatti preziosi.

Keywords: Imprese rurali, imprenditoria femminile, empowerment


“Crăița Merelor” – Come trasformare un'azienda familiare in un marchio di successo

Questa è la storia di Corina Oprea e di sua sorella Alina, due giovani imprenditrici con un background professionale aziendale, che in meno di due anni, come comproprietarie di un meleto a Voinești, hanno trasformato un'azienda familiare di 60 anni in un marchio conosciuto a livello nazionale: "Crăița Merelor" ("La principessa delle mele" - traduzione approssimativa).  Oltre alla produzione di mele, offrono succo di mela naturale al 100% e di alta qualità, ma anche un alloggio premim - Craita Merelor "The PLACE", a soli 10 minuti a piedi dal frutteto, e organizzano attività sorprendenti come "Eventi di raccolta delle mele", fotografie di eventi speciali, picnic o brunch nel frutteto e ritiri di yoga e femminilità.  Tutta la famiglia è coinvolta, ma le due sorelle sono le "creative": si occupano della visibilità del marchio, della presenza sui social media, dell'organizzazione di eventi, delle consegne online, dell'assistenza ai clienti, della creazione di nuovi prodotti.  Secondo Corina, i principali fattori di successo sono stati l'esperienza professionale aziendale e la conoscenza di marketing, vendite, web-design e branding, comunicazione, gestione del tempo e dei progetti, finanza, contabilità, gestione dei social media, editing grafico e molto altro, ma soprattutto la passione e la determinazione.  Tra le difficoltà principali, i clienti menzionano la ricerca di manodopera adeguata, i nuovi mercati e gli elevati investimenti iniziali, perché le aziende agroalimentari richiedono tempo per svilupparsi e iniziare a diventare redditizie.  Il feedback dei clienti è molto positivo e motivante, la domanda è in crescita, quindi puntano alla diversificazione e allo sviluppo nei prossimi anni. 

Keywords: agroalimentare creazione di un marchio rurale



Best Practice

Laszki Ranch

Laszki è una città del poviat di Białystok dove si trova il Laszki Ranch fondato da Emilia Korolczuk. Alleva principalmente capre e produce formaggio dal latte di capra. Tutte le attività sono documentate sulla pagina Facebook della sua fattoria. L'agenda della padrona di casa è molto fitta. Deve combinare la cura dei bambini e i riti quotidiani per gli animali:
"Ci alziamo molto presto per occuparci di tutto. Mungere capre, mucche e pecore richiede molto tempo. Più tardi bisogna lavorare sui formaggi. Alle 12 accolgo le prime persone che hanno preso appuntamento per visitare la fattoria. Dedico un'ora alla visita. Torno a fare il formaggio. Alle 14 arrivano altre persone. Se la visita si prolunga, purtroppo sarà a spese del mio pranzo".
    
Emilia Korolczuk è stata premiata per aver vinto il titolo di "Personalità dell'anno 2019" nella categoria "Beneficenza e attività sociale nel poviat di Białystok".

Keywords: Imprenditoria Femminile Rurale


SALENTO KM0

Salento Km0 è un'associazione con sede in provincia di Lecce con l'obiettivo di costruire una rete di economia solidale basata sul rispetto dell'ecosistema, sulla produzione di cibo sano, giusto e buono e sulle filiere corte. L'associazione promuove l'incontro tra agricoltori e ha costituito una rete di oltre 50 organizzazioni locali, tra cui cooperative agricole e associazioni attive nel settore della rigenerazione rurale. Tutte le organizzazioni aderenti condividono un ""manifesto per l'agricoltura naturale del Salento"" frutto di un processo partecipativo che esprime una serie di principi cardine nel modo di fare agricoltura, tra cui: 
  
Praticare un'agricoltura naturale che rifiuti l'uso di sostanze chimiche e OGM; Assicurare la qualità e la tracciabilità dei prodotti; Valorizzare e preservare il paesaggio, le risorse, le identità e le culture locali, trasmettendo tali valori nei prodotti; Promuovere lo sviluppo di un'economia civile, etica e sostenibile che garantisca l'inclusione sociale e il rispetto dei diritti dei lavoratori; Migliorare le condizioni ambientali, economiche e sociali del territorio;    Va sottolineato che la presenza femminile sia all'interno dell'associazione Salento Km0 sia all'interno della rete è molto elevata e, soprattutto, assumono il ruolo di imprenditrici pur svolgendo anche l'attività di agricoltrici. 

Keywords: Agricoltura Biologica, generazione rurale, slow food


Donna/Uomo Rurali

A Lleida (Catalogna, Spagna) vengono realizzate buone pratiche per ridurre il divario di genere nelle aree rurali o isolate. Tra gli obiettivi prefissati c'è la riduzione della disparità di genere tra uomini e donne e la lotta alla segregazione lavorativa. A tal fine, viene definito un programma di intervento completo che comprende una formazione rivolta alle donne che comprende:
- Corsi e conferenze sull'educazione ambientale in agricoltura.
- Corsi sulla competitività delle imprese turistiche gestite da donne.
- Corsi sulle conoscenze commerciali e legali per promuovere l'imprenditoria femminile.
- L'uso delle TIC da parte delle donne è stato promosso attraverso la formazione online.
- Corsi faccia a faccia su computer e Internet.
- Creazione di uno spazio online per migliorare l'accesso alla formazione attraverso le TIC, suddiviso in tre blocchi: formazione, informazione e comunicazione.
- Formazione sulla produzione ortofrutticola, rivolta a personale tecnico e non qualificato, con una metodologia mista, faccia a faccia e virtuale.
- Formazione sulle tecniche di commercio elettronico attraverso la creazione di un negozio virtuale. 

Keywords: Gender gap, segregazione del lavoro, intervento


Progetto Erasmus+: Donne rurali per un'alimentazione e un'agricoltura sostenibili - Cibo fresco dalla fattoria alla tavola

L'RWSFF mira all'inclusione sociale e all'accesso di discenti svantaggiati, come le donne rurali, i piccoli agricoltori delle zone svantaggiate, che sentono l'esclusione sociale e l'ingresso limitato nel mercato.   L'obiettivo del progetto è contribuire all'empowerment delle donne rurali incoraggiando le nuove tendenze della "Fresh Food Economy" e dell'imprenditoria agricola, nonché ulteriori segmenti dell'economia rurale legati all'agricoltura, contribuendo a generare reddito e occupazione, tenendo conto dell'adattabilità dei metodi e delle tecnologie per soddisfare le condizioni locali in ciascun Paese partner.   Obiettivi principali:
- Mettere in atto un processo sostenibile di empowerment e auto-iniziativa delle donne rurali (coinvolte nell'agricoltura o nella filiera agricola) che continuerà ad evolversi anche dopo la conclusione del progetto.
- Promuovere il consumo di alimenti locali e di qualità provenienti da piccoli produttori.
- Condividere modelli innovativi nelle aree rurali e creare un ponte tra aree con caratteristiche simili, diffondendo i risultati del progetto, gli strumenti e i metodi di apprendimento a livello locale, nazionale e internazionale.  Tutti gli obiettivi prefissati sono interconnessi e includono la creazione di condizioni e materiali educativi per l'insegnamento agli adulti, con particolare attenzione alle donne nelle aree rurali.

Keywords: Donne Rurali, women empowerment


Hosman Durabil – Dal panificio tradizionale all'attivismo rurale

Hosman Durabil è una ONG indipendente di Hosman - Sibiu, Romania, un'iniziativa rurale che mira a sostenere lo sviluppo rurale durevole e a promuovere le pari opportunità attraverso varie attività e progetti.  Ad esempio, a partire da gennaio 2021, con il sostegno della Orange Group Foundation e il coinvolgimento attivo di A.L.E.G., un'organizzazione non governativa che si occupa di prevenire la violenza e la discriminazione nei confronti delle donne, Hosman Durabil coordina il Centro digitale per le donne di Valea Hârtibaciului, un progetto che mira a garantire l'accesso alla tecnologia e all'informazione a 230 donne vulnerabili (Centrul Digital pentru Femei din Valea Hârtibaciului).  
Oltre ai corsi di ICT, le donne della zona rurale di Valea Hârtibaciului beneficeranno di formazioni specializzate (produzione di sementi tradizionali, ecoturismo, turismo gastronomico), realizzate in collaborazione con organizzazioni specializzate come EcoRuralis, nonché di fotografia digitale e attività artistiche attraverso una serie di workshop.  Per sostenere ulteriormente lo sviluppo rurale nel sud della Transilvania, Hosman Durabil ha creato un marchio ("Da Hârtibaciu, con amore") con cui i produttori locali, comprese le donne, possono vendere i loro prodotti tradizionali e una mappa interattiva dei produttori locali. 
Sono anche i creatori di "The Cultural Barn", un centro di formazione allestito nell'edificio del fienile del vecchio mulino tradizionale di Hosman. Fino al gennaio 2021, un panificio tradizionale ha funzionato in un altro edificio del vecchio mulino - attualmente in fase di trasformazione in un panificio comunitario e in laboratori di supporto. 

Keywords: attivismo rurale, centro digitale per le donne



Case Studies

Eryka Nawrocka – una famosa influencer

Eryka Nawrocka rompe gli stereotipi sui giovani agricoltori. Registra video su TikTok, in cui racconta la vita delle donne moderne in campagna. Gli internauti curiosi le chiedono perché abbia scelto questo stile di vita, e lei risponde scrupolosamente. - A volte mi sento come un genere estinto sotto stretta protezione", dichiara in una delle registrazioni.
Lo yoga e l'agricoltura sono due hobby di Eryka Nawrocka. D'altra parte, Eryka Nawrocka è attiva non solo su Facebook, ma anche su Instagram e TikTok. Il suo canale YouTube è dedicato alla sua seconda passione: lo yoga. 
Eryka ha dichiarato: "In Polonia, purtroppo, si è affermato lo stereotipo della donna poco attraente che lavora in agricoltura. Per questo motivo registro video truccati per far capire che le donne possono essere belle anche in campagna. Lo penso dopo numerosi commenti: ""Contadina? E così bella"" .... Come se le due cose si escludessero a vicenda. A volte mi sento come una specie estinta sotto stretta protezione. Le nonne di campagna sono grandi, e lo sono anche le nonne di città. Tutte le donne sono grandi e non importa cosa facciano, ha sottolineato".   Da diversi anni gestisce una fattoria, tramandata nella sua famiglia di generazione in generazione. Come lei stessa sottolinea, nessuno l'ha obbligata a continuare la tradizione di famiglia, ma l'amore per la terra, la campagna e l'agricoltura instillato dai suoi genitori ha fatto il suo dovere. La sua energia positiva e la sua passione hanno contribuito a conquistare molti fan sui social media, e questo le permette di combattere quotidianamente lo stereotipo dell'agricoltore sprovveduto, privo di ulteriori interessi. 

Keywords: Imprenditoria Femminile rurale


Azienda agroalimentare Rosalia D'Ilio

L'azienda, situata in Contrada S. Lucia, nasce nel 1981 quando Rosalia D'Ilio rileva l'azienda di famiglia del marito Pasquale, attiva fin dai primi del '900, conservandone il carattere multiproduttivo e familiare. Nel 1997 l'imprenditrice, cogliendo le opportunità del mercato, ha ampliato l'offerta, aprendo un agriturismo con 20 coperti, oggi 50, e 12 posti letto. Con i fondi del PSR Abruzzo 2007/2013, l'azienda è stata dotata di una caldaia a biomassa, che ha permesso di ridurre i costi energetici.
Rosalia lavora in azienda con le figlie Emanuela e Miriam, con la collaborazione del marito Pasquale. L'attenzione e il rispetto per l'ambiente in ogni suo aspetto, sia nelle tecniche di coltivazione e allevamento che nella produzione di energia, uniti alla genuinità del prodotto/servizio e alla gestione familiare, sono i fattori che caratterizzano l'azienda agricola D'Ilio, che ha fatto della qualità l'ispirazione della sua filosofia. 
La condivisione del progetto tra i membri della famiglia ha inoltre permesso all'azienda di adattarsi alle esigenze e alle richieste del mercato, diversificando e ampliando nel tempo l'offerta di prodotti e servizi. Grazie ai finanziamenti della misura 121 "Ammodernamento delle aziende agricole" del PSR Abruzzo 2007/2013, l'azienda D'Ilio è energeticamente sostenibile: produce energia termica da biomasse agricole e forestali prodotte direttamente in azienda. Con l'installazione della caldaia si è ottenuto un duplice vantaggio, la riduzione dei costi energetici e lo smaltimento dei sottoprodotti della potatura. 

Keywords: Imprenditoria femminile, impresa rurale, rigenerazione rurale


Donna Rurale

Nell'ambito dell'iniziativa transnazionale SIMTEGRA, a Madrid, in risposta ai problemi legati allo spopolamento e alla situazione economica, vengono realizzate buone pratiche per combattere tutte le forme di discriminazione e disuguaglianza che si verificano nel mercato del lavoro tra uomini e donne. A tal fine, vengono realizzate le seguenti azioni:
● Nei centri educativi vengono elaborati piani di sensibilizzazione con gli studenti, gli insegnanti e l'associazione delle madri e dei padri degli studenti sulle pari opportunità e sulla segregazione verticale di genere.
● Vengono elaborati piani di azione positiva nell'ambiente imprenditoriale e per le donne nell'ambiente di lavoro su temi quali la formazione, l'autoimpiego, il reinserimento e la promozione dell'associazionismo.
● Vengono elaborati piani per promuovere la partecipazione delle donne al mercato del lavoro.
● Vengono offerti orientamenti per la creazione di nuovi modelli di lavoro che conciliano lavoro e vita familiare.

Keywords: Spopolamento rurale, discriminazione, mercato del lavoro


Progetto Erasmus+: WomenPRO

Il progetto WomenPRO mira a motivare le ragazze e le donne che partono dalle aree rurali e dalle zone remote a trovare un impiego nelle loro regioni, fornendo loro un corso di formazione integrale e olistico, adattato alle loro esigenze specifiche. Il progetto si concentra sull'empowerment delle ragazze e delle donne, affinché si rendano conto di poter avviare un'attività in proprio. 
L'obiettivo generale del progetto è valorizzare e promuovere lo spirito imprenditoriale sociale tra le giovani donne, sensibilizzandole e sostenendole nell'evoluzione delle loro capacità imprenditoriali, creative e innovative. 
Gli obiettivi principali del progetto sono 
Migliorare lo sviluppo delle competenze per l'imprenditorialità delle ragazze nei Paesi del progetto, Promuovere e ampliare le competenze del personale docente dell'UE, condividendo la possibilità di utilizzare un approccio innovativo, Sviluppare un approccio innovativo allo sviluppo delle competenze nell'era digitale, Contribuire all'unificazione degli standard educativi e formativi per riconoscere i risultati dell'apprendimento, e anche Tracciare lo sviluppo delle competenze dei giovani per prepararli a entrare con successo nel mercato del lavoro. 

Keywords: Imprenditoria Sociale, women empowerment


Un esempio di multifunzionalità femminile nella Romania rurale

Oana Daniela è il perfetto esempio di donna rurale multifunzionale. Vive a Girov, nella contea di Neamt, è madre e proprietaria di una piccola azienda agricola. È anche un'imprenditrice, che coordina una piccola azienda - Kameo-Dominion, che fornisce servizi di traduzione e scrittura autorizzati. Trova la maggior parte dei suoi clienti online e lavora da casa secondo i suoi orari, permettendole di prendersi cura della casa e degli animali.  Secondo Oana, in un'intervista esclusiva per Kleinon, "di solito le donne di campagna vengono inserite in una certa categoria, dando per scontato che si occupino solo della casa. Tuttavia, questo non è affatto vero. Negli ultimi anni è aumentato il numero di donne di campagna che fanno molto di più.
Io, per esempio, pur provenendo dall'ambiente urbano, ho scelto di trasferirmi in quello rurale per il desiderio di trascorrere più tempo all'aria aperta e di mangiare più sano. Il trasferimento ha cambiato il mio stile di vita, ma non dal punto di vista professionale. Più precisamente, ho uno stile di vita simile a quello di una persona di campagna, ma professionalmente sono ancora una persona di città. Per esempio, in casa ho diversi animali di cui mi occupo sempre, tra cui capre e galline, una serra, un frutteto e diversi ettari di terreno. I prodotti agricoli che derivano dal mio lavoro vengono utilizzati principalmente per la mia famiglia - ma a volte produco più di quanto ci serva, quindi ho anche diversi clienti occasionali.Oltre a questo, mi occupo della casa, cucino e accompagno mio figlio a scuola ogni giorno. Allo stesso tempo, ho una vita professionale soddisfacente come traduttrice e scrittrice. Mi occupo di ghost writing e traduco contenuti di vari settori, creo e illustro libri per bambini.
Anche se questo stile di vita è spesso impegnativo, trovo sempre la dose di energia necessaria per fare la cosa giusta".

Keywords: Imprenditorialità rurale non agricola



Co-Creation

Imprenditrici rurali

"Questo progetto mira a promuovere l'imprenditoria femminile attraverso la promozione di ecosistemi che permettano la creazione di nuove opportunità nel mondo rurale. Con l'intento di ridurre il divario di genere, promuovere la sostenibilità e ridurre lo spopolamento delle aree rurali, questo progetto si pone come priorità, intervenendo nel campo dell'imprenditoria femminile e della tecnologia nel tentativo di ottenere un ecosistema economico più efficiente, creativo e redditizio, nonché l'inclusione e la diversità in questo contesto".  Tra le azioni del progetto, l'obiettivo è quello di creare un punto di incontro per le donne imprenditrici e le donne d'affari con lo scopo di promuovere le iniziative imprenditoriali femminili nelle aree rurali attraverso le TIC, promuovendo lo sviluppo digitale, incoraggiando il coinvolgimento di diversi settori e creando spazi di incontro fisici e dialoghi virtuali attraverso la creazione di HUB rurali. Tra le azioni del progetto vi sono: una diagnosi dell'imprenditoria femminile e del divario digitale di genere nelle aree rurali, la definizione dei bisogni e delle opportunità delle donne, la creazione di laboratori di co-creazione per lo sviluppo di HUB per le donne imprenditrici nell'area rurale delimitata e test pilota nei diversi HUB stabiliti nel territorio andaluso.

Keywords: Imprenditoria femminile, gender gap, spopolamento


Rurale 3.0 Service Learning per lo sviluppo rurale - Aprendizaje-Servicio par el desarrollo rural (RURASL)

L'obiettivo di questo progetto è promuovere lo sviluppo di competenze e conoscenze per favorire i cambiamenti nel contesto rurale.  Attraverso insegnamenti innovativi come la metodologia didattica del service-learning, si intende stimolare l'imprenditorialità sociale del personale docente universitario e delle entità rurali attraverso la cooperazione transnazionale tra istituti di istruzione superiore e partner rurali. Tra i risultati attesi del progetto vi sono: un'analisi dei bisogni rilevati nel gruppo dei beneficiari negli otto Paesi partecipanti (Spagna, Portogallo, Croazia, Germania, Lituania, Paesi Bassi, Austria, Italia), casi pratici e buone pratiche di tecnologie all'avanguardia per l'educazione rurale nell'ambito del service-learning, un corso di service-learning e imprenditorialità sociale e incontri tra individui e gruppi con l'obiettivo di condividere e costruire conoscenze basate sulle loro esperienze (Hubs). 

Keywords: Service-learning, imprenditoria sociale, comunità rurali


CultRural+

Questo progetto cerca di creare spazi per il trasferimento e lo sviluppo di competenze di pensiero strategico e per la creazione di reti, al fine di costruire comunità interconnesse. A tal fine, cerca di avvicinare gli imprenditori rurali e neo-rurali alla formazione strategica, al networking, alla comunità di pratica e all'internazionalizzazione. Nell'ambito dell'educazione degli adulti, questo progetto affronta la necessità di internazionalizzazione, di formazione imprenditoriale, di sviluppo di competenze e abilità e di creazione di reti nelle aree rurali europee per promuovere lo sviluppo sostenibile. Tra gli attori che fanno parte del programma CultRural+ ci sono università, comuni rurali e PMI che lavorano alla ricerca di strategie digitali innovative e alla costruzione di conoscenze nell'area dell'imprenditorialità per lo sviluppo locale nelle aree rurali a rischio di spopolamento. Tra gli obiettivi proposti dal progetto ci sono:
● Migliorare le competenze e le conoscenze degli adulti, in particolare degli imprenditori e dei dipendenti pubblici poco qualificati, per accrescere le loro capacità e favorire il loro adattamento ai cambiamenti del mercato del lavoro nelle aree rurali.
● Generare reti locali per uno sviluppo locale sostenibile.
● Promuovere l'educazione commerciale e la formazione al pensiero strategico per gli imprenditori rurali.
● Formare sindaci e consiglieri comunali delle aree rurali al pensiero strategico per promuovere la resilienza, la governance e l'internazionalizzazione.
● Promuovere la cittadinanza attiva e lo sviluppo personale attraverso l'apprendimento permanente e il coaching.
● Promuovere il turismo integrato come valore aggiunto nella gestione creativa del patrimonio culturale.

Keywords: Spopolamento delle campagne, imprenditorialità rurale, patrimonio culturale



CONSORZIO

I partner